cresci01

Seppioline ripiene al forno (Miglionico)

Seppioline ripiene al forno (Miglionico)
preparate da Angela Cresci
intervistata da Antonella Ventura

Sono qui per rivolgerle delle domande per conoscere la sua “vita in cucina. Cosa ha cucinato oggi a pranzo?
Buonasera! Oggi ho cucinato minestrone.
E ti sei alzata presto per cucinare?
Sì, alle 7:00
E sei andata pure a fare la spesa stamattina?
Ovviamente sì
E cosa hai comprato in particolare?
Ho comprato verdure per il minestrone, insalata, pesce e frutta per la giornata.
Quindi ha comprato solo quello che serviva per oggi o anche qualcosa per…
Anche qualcosa per la settimana.
E quali sono le ricette che sa cucinare?
Quasi tutto… dal pesce alla carne, verdure, paste, secondi… tutto.
Ma in particolare, cosa le riesce meglio?
Pesce, cucinare pesce.
E perché?
E perché ho imparato più da piccola a cucinare il pesce.
E invece cosa non le piace proprio cucinare?
Ma forse… niente. Mi piace tutto!
E mi sa dire quando ha imparato a cucinare?
Bhè, da piccola perché avendo i genitori che lavoravano in campagna cucinavo…ho cucinato presto, all’ età di otto anni già iniziavo a cucinare!
E per chi cucinavi?
Per i miei fratelli e i miei genitori.
Quindi tutti i giorni o in un’ occasione particolare?
Quasi tutti i giorni, quando ovviamente non c’era mamma a casa e le mie sorelle.
E si ricorda cosa cucinava quando era bambina?
Ma, piatti poveri allora, non c’era tanta roba da cucinare…piatti…legumi, mmm, non lo so, piatti tipo pasta…
E cucinava parte del pranzo e della cena o…
Pranzo e cena.
E come ha imparato quindi?
E ho imparato proprio perché ero sola e mi son data da fare..
E chi l’ha aiutata nella cucina?
All’inizio le mie sorelle, poi da sola.
E le è piaciuto subito cucinare?
Sì, sì
E quindi da allora ha sempre cucinato?
Sì!
E cosa è cambiato oggi rispetto a prima nel suo modo di cucinare?
Bhè, prima di tutto gli ingredienti sono diversi diciamo, e poi la tecnologia perché ci sono i robot, mmm mixer, tutta sta roba che prima non esisteva… si faceva tutto a mano… come i frullati, tante cose che prima non esisteva.
E le piace sempre cucinare?
Sì!
E si ritiene brava?
Penso di si!
E come lo sa?
Perché me lo dicono quando vengono a pranzo…
E quindi le fa piacere sapere di essere brava?
Altro che..
E ci sono altre donne brave che lei conosce?
Sì, sì!
E che cosa fanno, che cosa sanno fare bene?
Ma, anche loro quasi tutto…dal pesce alla carne, primi piatti, tutto!
E hanno dei “trucchi” nella cucina?
Bhè, ci vuole sempre un segreto nella cucina!
Le piace mangiare bene?
Sì, sì.
Quindi, è importante saper cucinare?
E’ molto importante!
Cos’altro diresti di te… cosa diresti di te per farmi capire chi sei?
Sono una brava mamma, una brava cuoca e mi piace cucinare per la mia famiglia, visto che ho una famiglia numerosa composta da cinque figli e marito e molti fratelli e sorelle. Quindi organizzo molte, molto spesso cene, pranzi…
Allora signora, cosa mi prepara ora?
Visto che mi piace molto cucinare il pesce, ti preparo un piatto di pesce: “seppioline ripiene al forno”
Ok!
Ok… prepariamo! Prendiamo tutto l’occorrente… Dove ho messo il “pane grattugiato”? Prendo tutto l’occorrente: il “prezzemolo”. Un po’ di pazienza che preparo tutto…
Sì!
Ecco qui, prendiamo tutto quello che ci serve… la teglia… il prezzemolo che ci serve per fare il ripieno… dopodicchè andiamo a riempire le seppioline: si minuzza tutto (il prezzemolo) , il pane grattugiato (lo unisce al prezzemolo), aglio.
Quindi questi sono gli ingredienti principali?
Sì, principali. Ingredienti semplici! Dopo aver preparato (l’impasto), si passa a riempire le seppioline… Adagiamo in una teglia…
Ma ha un segreto in particolare per farle venire bene?
No, niente… è tutto naturale, niente segreto… il pane casereccio che va messo, il prezzemolo anche…diciamo locale… tutto semplice, senza aggiunta di..
E sta preparando per quante persone?
Stasera siamo in 4, perché manca parecchia famiglia
Quindi, per 4 persone quanto pesce prepara?
Bhè, circa un chilo… perché…
Siete buongustai!
Sì, siamo buon gustai… mangiano!
Ecco… finisco di riempire la teglia…
Sì. E quale sapore deve avere per essere particolarmente buono?
E non deve essere molto asciutto e mmm, praticamente deve rimanere un po’ di, di brodino sotto, di olio per essere saporito. Dopo aver preparato si,si fa bollire un po’ sul, sul fuoco per 10 minuti e poi si mette in forno. Mettiamo un’ altro po’… Abbiamo finito. Adesso metto l’olio….metto l’olio…non tanto!
Quindi gli ingredienti sono tutti locali?
Sì, anche l’olio,olio.
E per quanto riguarda il pesce?
E… il pesce…
Ha dei fornitori di cui si fida?
Sì, vado sempre alla pescheria di fiducia che ha pesce fresco. [Intanto sta versando dell’acqua nella teglia] Ecco…poca acqua, senza aggiungere sale perché il pesce è già salato, poi magari si assaggia e se ci vuole un po’ di salee…Adesso facciamo bollire per 10 minuti
E nel forno poi?
Solo per, per la crosticina… dopo che si è cucinato poi, bisogna mettere solo 5 minuti per formarsi la crosticina.
A che temperatura?
In forno! Adesso la cucina a fuoco vivo poi il forno 10 minuti, un quarto d’ora ed è un piatto squisito…
Eh, immagino !
Molto buono e saporito!
E da chi hai imparato a cucinare questo piatto?
Eh veramente da mia mamma, quando ero molto piccola.
Quindi è di tradizione ?
E’ di tradizione si.
Locale?
Sì è di tradizione… familiare.
E lo mangiate con quale contorno?
Con le verdure,verdure grigliate,magari che non appesantiscono.
Ai vostri figli piace questo piatto?
Sì, molto; lo mangiano da quando erano piccoli. Ecco, adesso bisogna far bollire per 10 minuti e poi metterlo in forno… e il piatto è pronto!
Adesso è già cucinato sul fuoco e bisogna metterlo in forno a 180°,per 10 minuti soltanto e il piatto è pronto!
Un piatto veloce!
Un piatto veloce, sì… e anche facile da preparare,come hai visto… e buono soprattutto!
E poi non rimane che mangiarlo!
Eh si ,così si fa contenti i figli e il marito.

related articles

</a>        </div><div id=

Libri

  • Altrimedia_Fareaocchio_copertina_ridotta

    Francesco Marano Fare a occhio. Antropologia della cucina in Basilicata Matera, Altrimedia Edizioni, 2015, €16 Cucinare non serve solo per rendere il cibo commestibile e gradevole, ma anche per costruire relazioni, evocare ricordi, rafforzare affetti, produrre emozioni. Questo libro indaga le pratiche di cucina domestica in Basilicata e i significati locali del cibo entrando nelle…

    Read more

Cucine vicine

Continuando a navigare su questo sito, dichiari di accettare i nostri cookie Maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono settate su "permetto i cookie" per darti la migliore navigazione possibile. Se continui a usare questo sito senza cambiare le impostazioni oppure cliccando su "Accetto" stai dando il consenso.

Chiudi questa finestra