Cucina Lucana

Basilicata in Cucina. Ricette, Eventi, Interviste

Lucanus, il panettone salato prodotto in Basilicata

Lucanus, il panettone salato prodotto in Basilicata

Il panettone è il risultato di una mix di materie prime di altissima qualità grazie alle partnership di cinque aziende del territorio che forniscono i loro prodotti a km zero: Tricarico Salumi di Antonio Carbone (presidio slowfood), FraTruffle di Spera Francesco, Salumificio Metapontino, Caseificio La Vanga…

Continua a leggere su La Gazzetta del Mezzogiorno

 

Read more
Castagne: in Basilicata ottima produzione, ma…

Castagne: in Basilicata ottima produzione, ma c’è il problema prezzi

Pietro Sinigallia: “L’industria dica se paga poco perché il prodotto non è selezionato. Ma così non può continuare”

Anche in Basilicata, così come in gran parte d’Italia, è molto positiva la campagna castanicola dal punto di vista produttivo. Tuttavia, diversi operatori non sono affatto soddisfatti delle quotazioni, che in diversi casi non coprono nemmeno i costi sostenuti per la raccolta.

Leggi tutto su MyFruit.it

Read more
Unesco, a Matera la Rete siti Mezzogiorno al lavoro su alimentare

MATERA – Dalle bellezze artistiche e ambientali a quelle alimentari, dei prodotti tipici locali e in particolare della dieta mediterranea, che sono tra le specificità dei siti patrimonio dell’Umanità del Mezzogiorno: è il progetto che vedrà nei prossimi mesi impegnata la «rete siti Unesco» attivata dall’Associazione «Patrimonio del Sud» l’associazione di enti locali per la valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale del Meridione… (leggi tutto l’articolo qui: La Gazzetta del Mezzogiorno)

 

Read more
Presente e futuro del cibo lucano

Davide di Vito: “Ne abbiamo parlato con Chiara Vigna, export manager, che ha raccontato le virtù dell’agroalimentare del suo territorio, i punti di forza e le criticità su cui lavorare…” (leggi tutto)

Fonte: www.italiaatavola.net

Read more
Basilicata, Segnali Positivi Per Il Turismo

In tre anni, dal 2019 al 2021, oltre 8 turisti su 10 in viaggio nei “Borghi più belli della Basilicata” hanno espresso recensioni di tono positivo. (Leggi tutto)

Fonte: www.materanews.net

Read more
La buona cucina della Basilicata a Torino

Una serata per celebrare la buona tavola, ma anche la storia e le tradizioni di un territorio. Tutto questo è successo a Settimo Torinese, nei giorni scorsi, nel segno della Basilicata (e non solo). Un debutto, di successo, ma che avrà anche il seguito di un calendario ricco di appuntamenti. (leggi tutto)

da https://www.torinoggi.it/

 

Read more
Pastazaff! La pasta di Castelgrande, presto in produzione

Presto entrerà in produzione Pastazaff, la pasta prodotta con lo zafferano delle coltivazioni di Castelgrande.

Read more
A Rotondella un calzone pieno di storia

Basilicata: a Rotondella un calzone pieno di storia

I bei panorami di Rotondella, un antico Comune della provincia di Matera che si affaccia dall’alto sul mare, fanno da cornice ad una specialità gustosissima e dalla storia lunga, profondamente influenzata da quella della località stessa che a lungo ha fatto da crocevia di popoli e culture. Si tratta del Pastizz, un prelibato calzone farcito con tanta carne di maiale, aromi e formaggio.

LA TRADIZIONE Non c’è specialità che rappresenti la cultura e la tradizione gastronomica di Rotondella più efficacemente del tipico “Pastizz”. Questa ricetta antica e gustosa, che consiste in una ricco calzone farcito di carne, sintetizza alla perfezione la storia di questo bel Comune della provincia di Matera che nel corso dei secoli è stato crocevia di popoli e di culture i quali, inevitabilmente, hanno lasciato tracce di sè anche nei sapori della cucina locale, che ha attinto aromi ed ingredienti persino dalla tradizione albanese. Ed infatti il Pastizz, con il passare del tempo, si è arricchito anch’esso di profumi e di sapori fino a diventare la succulenta prelibatezza che oggi chiunque si trovi a Rotondella dovrebbe assaggiare almeno una volta. Un tempo, però, specialmente durante il XVIII e il XIX secolo quando l’utilizzo della carne non era particolarmente diffuso, il gustoso calzone locale non era un piatto per tutti i giorni, ma rappresenteva una ricetta speciale da servire nelle tre grandi occasioni dell’anno: l’uccisione del maiale, la Pasqua e la festa di Santa Maria d’Anglona (Maronna ‘Ra Gnone), all’inizio di settembre. Durante i festeggiamenti, infatti, il Pastizz si rivelava un ottimo snack da gustare comodamente anche passeggiando.

LA DENOMINAZIONE Il Pastizz è talmente radicato nella cultura della popolazione di Rotondella che, talvolta, gli abitanti del paese vengono chiamati niente meno che “pastizzari”.

LE CARATTERISTICHE Il “Pastizz” è un calzone di 15-20 centimetri farcito con carne,generalmente di maiale, tagliata al coltello in picccoli pezzi. Per preparare l’impasto si utlizzano grano duro, strutto, acqua, olio extraververgine di oliva e sale. Il ripieno, invece, è un delizioso connubio di carne, formaggio, uova, prezzemolo, aglio, olio extarevergine di oliva, sale e pepe. Quello che se ne ottiene è un delizioso fagottino a forma di mezza luna, pieno di sapore e dall’invitante colore dorato.

LA PRODUZIONE Sebbene sia ancora diffusa, in alcune famiglie, la tradizione di prepare il Pastizz in casa, oggi è decisamente semplice trovarlo in numerosi forni, bar, pizzerie e trattorie locali anche se l’usanza di tagliare la carne “a punta di coltello” sta, ormai, lentamente scomparendo, soppiantata da tecniche più rapide e meno faticose.

LA CULTURA La scelta della tipica forma a mezza luna del calzone non è affatto casuale ma è legata ad una simbologia che rimanda ai concetti di fertilità e prosperità femminile. L’aspetto del Pastizz, infatti, ricorda proprio quello di un grande grembo materno che custodisce un prezioso tesoro.
IN CUCINA Il Pastizz è, dunque, una specialità antica, semplice e rustica che ben si sposa ai momenti di convivialità e di festa. Il suo sapore conquista grandi e piccini e la sua ricetta può essere anche riprodotta in casa in modo da poter portare in tavola un prodotto ancor più genuino e, se lo si desidera, personalizzato in base ai propri gusti, potendo lavorare di fantasia e di creatività nella scelta degli aromi per la farcitura.

La ricetta: “Pastizz” di Rotondella. Ingredienti: Per la pasta: farina, di grano duro, strutto, acqua, olio extravergone di oliva, sale. Per il ripieno: carne di maiale, formaggio (meglio se stagionato e grattugiato come grana, parmigiano o pecorino), uova, prezzemolo tritato, aglio, sale, pepe, olio extravergine di oliva. Dopo aver lavorato gli ingredienti dell’impasto fino ad ottenere un panetto di consistenza soda ed omogenea che lascerete riposare per circa un’ora, cominciate a preparare il ripieno tagliando la carne di maiale in pezzetti piccolini ed unendo le uova, il formaggio, l’olio, il sale e il pepe. Stendete, quindi, l’impasto ed al centro di ogni calzone sistemate dell’abbondante ripieno. Ripiegate, quindi, a metà il calzone e sigillate delicatamente i bordi con le dita o con i rebbi di una forchetta. Spennellate la superficie con dell’uovo, poi infornate fino ad ottenere l’invitante doratura sulla superficie.

IL TERRITORIO Adagiata a 576 metri di altitudine ed immersa tra gli splendidi scenari della Riserva Naturale Orientata Bosco Pantano di Policoro, Rotondella è un antico comune della provincia di Matera che custodisce preziose testimonianze del suo lungo pasato. Affacciata proprio di fronte al Mar Ionio deve, probabilmente, il nome che porta proprio alla sua particolare posizione. Il toponimo, infatti, deriverebbe dalla locuzione latina Rotunda Maris. Durante una passeggiata nel suo bel centro storico, meritano certamente una visita la chiesa madre intitolata a Santa Maria delle Grazie, che custodisce un tripudio di preziose statue lignee, e la chiesa di S. Antonio da Padova, annessa al convento francescano degli Zoccolanti, risalente alla metà del XVII secolo.

Fonte: Turismo.it

Read more
Basilicata: produzione di olio calata

La produzione di olio è calata quasi della metà rispetto all’anno scorso

In Basilicata quest’anno si prevede una produzione di olio pari a 4.489 tonnellate, il 45 per cento in meno rispetto ad un anno fa»: lo ha reso noto la Coldiretti lucana, citando «dati Ismea/Unaprol illustrati alla Giornata nazionale dell’extravergine italiano di Firenze».

All’iniziativa ha partecipato anche una delegazione della Coldiretti di Basilicata, per «difendere in una storica mobilitazione il prodotto più rappresentativo della dieta mediterranea dalla concorrenza sleale, speculazioni, mancanza di trasparenza in etichetta, truffe ed inganni: «Siamo all’inizio della campagna olivicola – ha detto il presidente di Coldiretti Basilicata, Piergiorgio Quarto – e le incertezze e le ansie non provengono dalla qualità o dalla quantità del buon olio italiano, ma dalle truffe e dalle speculazioni del settore che favoriscono la provenienza di oli extracomunitari spacciati per italiani.

Fonte: Il Quotidiano del Sud

Read more

Il 1° Maggio al Parco della Grancia,  inizio alle ore 10.00 sino a notte inoltrata, con stand espositivi permanenti, workshop organizzati sia dalle diverse realtà associative che dagli operatori dei diversi attrattori turistici regionali, esibizioni dal vivo nell’auditorium naturale del Parco di band provenienti da tutta la regione.
L’evento è organizzato dalla Pro Loco di Brindisi Montagna, dal Comune di Brindisi Montagna in collaborazione con diverse associazioni.
Gli stand espositivi metteranno in mostra le “eccellenze lucane” con la  presentazione diretta dei propri prodotti. L’ingresso del biglietto, per l’intera giornata, è di 10 euro in cui sono inclusi: una consumazione (panino e bibita); un buono sconto sulla stagione di spettacolo “Grancia 2013″.
Le Band che esibiranno sono: hillinoise, santaeva, bandicoot, eugenio tabano, fat harlot, yazza family, oronero, nocivi elementi, valerio zito, damash, paraffin, idrusa, pausa,  pietro cirillo, cuori infranti, basiliski roots, mamma cannibale, babalù.

http://www.basilicataturistica.com/1-maggio-in-basilicata-al-parco-della-grancia/

Read more
Se non sono neri… non ne vogliamo

Una giornata dedicata alla conoscenza dell’Antico Nero Lucano

a cura di Slow Food Matera

Domenica 2 marzo 2014

https://fbcdn-sphotos-a-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/t1/1975153_255812977925501_1715215009_n.jpg

 

Read more
Matera
The Sassi and the Park of the Rupestrian Churches of Matera

This is the most outstanding, intact example of a troglodyte settlement in the Mediterranean region, perfectly adapted to its terrain and ecosystem. The first inhabited zone dates from the Palaeolithic, while later settlements illustrate a number of significant stages in human history. Matera is in the southern region of Basilicata.

http://whc.unesco.org/en/list/670/

Read more
Carnevale e sagra della polenta a Nemoli

Carnevale a Nemoli e Sagra della Polenta

dal 27 febbraio al 4 marzo 2014

PRO LOCO NEMOLI e COMUNE DI NEMOLI nel 40° anniversario di fondazione dell’associazione (1973-2013) e nel 180° di istituzione a Municipio (1834-2014) vi invitano al tradizionale Carnevale Nemolese

PROGRAMMA:

Giovedì 27 febbraio – ore 10,30: Scuola in maschera – Giro dei “Frazzuogni”
Sfilata in costume e spettacolo alunni Scuole dell’Istituto Comprensivo

Venerdì 28 febbraio – ore 18,00: Convegno su “Storia del Carnevale nell’Appennino lucano”
presentazione libro “Il riscatto di un popolo in maschera”, di Vincenzo Giuliano Sala Polifunzionale, Viale Larocca

Sabato 1 marzo – ore 21,00: Rappresentazione teatrale “Mia famiglia”
Compagnia “Attiva-Mente” – Sala Polifunzionale, Viale Larocca

Domenica 2 marzo – ore 12,00: “La Polenta della Solidarietà”
Distribuzione della Polenta a domicilio di Anziani e Ammalati

Trecchina – ore 14,00: Gemellaggio con il Carnevale Trecchinese
Sfilata di carri e Spettacolo del “Cantacronze”

Nemoli – ore 17,30: “Carnevale dei Bambini e Ragazzi” – Centro Polifunzionale

Lunedì 3 marzo – ore 20,30: Concerto dei Tarantanova “Canzoniere del sud”
Sala Polifunzionale, viale Larocca

Martedì 4 Marzo – SAGRA DELLA POLENTA
– ore 9,00: Passeggiata musicale del Complesso Bandistico “Città Vallo di Diano”
per annunciare la festa nel Centro Storico e al Lago Sirino
– ore 10,00: Raduno dei “Mastri Polentari” all’Angolo dello “Spizio”
Inizio rito di preparazione della polenta nei 4 calderoni
– ore 15,00: Ritrovo e iscrizione di carri, gruppi e maschere
presso il bivio Nemoli-Fondovalle Noce (Largo S. Caterina)
– ore 16,00: Sfilata per le vie del Centro storico
– ore 17,00: DISTRIBUZIONE DELLA POLENTA
Il piatto, preparato in caldaie di rame, secondo la ricetta plurisecolare,
sarà offerto gratuitamente con salsiccia, pancetta e vino locale
– ore 19,30: Premiazione delle Maschere (primi tre Carri più artistici, Gruppi più simpatici e Maschere più originali, con coppe e trofei)
– ore 20,00: Sorteggio dei tre “CESTONI DI CARNEVALE”
– ore 20,30: Falò del fantoccio di Carnevale

Read more
Sagra dei maccheroni con la mollica

1 marzo 2014
Castelmezzano
Sagra dei maccheroni con la mollica

Read more
Cresce la produzione olearia della Basilicata

Con settemila tonnellate di olio di oliva, stando alle previsioni, in Basilicata si dovrebbe registrare un incremento di circa il 10 % della produzione rispetto all’anno scorso.
Lo sostiene la Cia (Confederazione italiana agricoltori) di Basilicata, che ha rielaborato a livello regionale i dati forniti da Ismea in collaborazione con Aifo, Cno e Unaprol (le tre organizzazioni professionali degli olivicoltori).
“In Basilicata – si legge in una nota – la media ponderata dei diversi risultati sul territorio fa pensare ad un discreto aumento. Si ha infatti una produzione decisamente superiore allo scorso anno nel Vulture, e nella parte centrale della regione, mentre qualche problema sui volumi si riscontra nella zona collinare del materano. Un risultato, quello lucano, che va in netta controtendenza con quello nazionale, rispetto al quale per il 2013, la produzione di olio di pressione potrebbe attestarsi intorno all’8% in meno rispetto al 2012. L’olivicoltura – conclude la Cia lucana – è un settore strategico per la nostra agricoltura, simbolo della dieta mediterranea, componente fondamentale del ‘made in Italy’ e di tanti paesaggi agrari. Ma ha bisogno di politiche che supportino lo sviluppo, e quindi il futuro, del settore”.

Fonte: Basiicatanet.it

Read more

La “ Cuccia ” è un piatto tipico ed esclusivo di Castelmezzano, piccolo paese sulle “Dolomiti Lucane” in provincia di Potenza, soprannominato piatto dei poveri. Non si conosce l’origine ma si ha la certezza che questa tradizione si tramanda da più di un secolo in occasione della festa di Santa Lucia che si celebra il 13 Dicembre.

Gli ingredienti per fare la “Cuccia” sono: “Fave, Grano, Ceci e Cicerchie”.Per preparare il piatto si mettono tutti gli ingredienti in un pentolone, più conosciuto in dialetto Castelmezzanese come “Caudar” o “Pignat di creta”, con aggiunta di acqua e si fa bollire per circa due o tre ore. Un buon consiglio per degustare la “Cuccia” è prelevarla dal pentolone con un mestolo, metterla in un piatto con un pizzico di sale e mangiarla con un buon bicchiere di vino locale.

www.eventiesagre.it

Read more
http://www.lucaniaetnofolk.it/it/Webby.do?p=ilromita.wbj

Rumito

Il Carnevale di Satriano è tra le tradizioni più antiche della Basilicata. Le maschere tipiche testimoniano il rapporto indissolubile dell’uomo con la natura. Qui da secoli gli uomini si travestono da alberi e diventano Rumit (eremita). I Rumit, la domenica mattina prima del martedì grasso, girano casa per casa, bussano alle porte, lasciano un buon auspicio in cambio di un dono.

La tradizione è viva se si rinnova. Il primo marzo 2014 una Foresta che cammina fatta da 131 Rumit (uno per ogni paese della Basilicata) invaderà le strade del paese e occuperà una piazza colorandola di verde. Chiunque può farsi portavoce di questo messaggio ecologista prenotando il proprio Rumit. Per info: 3295320026, carnevaledisatriano@gmail.com.

Sarà possibile anche animare questa foresta. Come? Vestendosi di natura prendendo spunto dalla flora e la fauna del sottobosco del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano oppure diventando un folletto per un giorno.

Per vivere questo sogno ed essere tra i folletti che daranno vivacità ed entusiasmo al bosco vagante è necessario prenotarsi entro il 20 febbraio inviando una mail a info@alberodieliana.it oppure telefonando al 3203929330.

L’iniziativa “Folletto per un giorno” è organizzata in collaborazione con L’Albero di Eliana, Dream and breakfast di Matera. L’impostazione è “green” come tutta l’organizzazione del carnevale. Eliana, la referente, è a disposizione per dare indicazioni su come realizzare il proprio vestito da folletto ri-utilizzando abiti e accessori che si hanno in casa.

La sera di sabato primo marzo si terrà una grande festa in maschera in un parcheggio coperto. L’amministrazione comunale mette a disposizione una palestra riscaldata, con servizi, per gruppi organizzati (prenotazione obbligatoria) che vogliono pernottare e partecipare anche alle attività della domenica, tra cui la tradizione dei Rumit spontanei e la sfilata delle altre maschere tipiche.

Intanto domenica 19 gennaio si terrà a Satriano il primo incontro di avvicinamento al Carnevale. Il programma prevede la mattina la raccolta dell’edera nel Bosco Ralle e la dimostrazione di come si realizza un Rumit con relativa spiegazione della tradizione e di come sta evolvendo. Pranzo comune (è necessario prenotarsi). Nel pomeriggio prova del Rumit sul percorso che farà la Foresta che cammina e “summit” per avere indicazioni e confronto su come diventare folletto per un giorno.

Il Carnevale di Satriano è organizzato dalla rivista Al Parco in collaborazione con volontari, associazioni locali e istituzioni tra cui Parco Nazionale Appennino Lucano, Apt Basilicata, Comune di Satriano, Gal Marmo Melandro, Lucana Film Commission. Il Carnevale non si rimanda a causa delle condizioni atmosferiche. Tutti gli aggiornamenti sul sito alparcolucano.it

Sito web

Read more
Alesya Kornetskaya

Maecenas aliquet, elit vitae egestas lacinia, nibh purus accumsan metus, ut mollis est eros tempus sem. Vivamus nulla lacus, venenatis non convallis quis, sollicitudin id mi.

Read more
Alesya

Alesya

News 12/12/2013 0

Maecenas aliquet, elit vitae egestas lacinia, nibh purus accumsan metus, ut mollis est eros tempus sem. V

Read more
Nearly free, sent back to North

Maecenas aliquet, elit vitae egestas lacinia, nibh purus accumsan metus, ut mollis est eros tempus sem.vff

Read more

Continuando a navigare su questo sito, dichiari di accettare i nostri cookie Maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono settate su "permetto i cookie" per darti la migliore navigazione possibile. Se continui a usare questo sito senza cambiare le impostazioni oppure cliccando su "Accetto" stai dando il consenso.

Chiudi questa finestra